Come si scrive un racconto – Gabriel Garcia Marquez

In tredici seminari di scrittura creativa, il Premio Nobel per la letteratura Gabriel Garcia Màrquez spiega ai suoi allievi i segreti, le tecniche, le insidie in mezzo a cui ogni aspirante scrittore deve imparare a destreggiarsi per dare un senso compiuto alla propria fantasia creativa e per scrivere racconti. “Cominciamo dall’inizio. Un giorno mi hanno chiamato dalla televisione chiedendomi tredici storie d’amore ambientate in America latina. Siccome avevo un laboratorio di sceneggiatura in Messico ho detto a quelli del corso: – Abbiamo bisogno di tredici storie d’amore di mezz’ora l’una. Il giorno dopo mi hanno portato quattordici idee. È stato sorprendente…”. Saper scrivere, avverte Gabriel García Márquez, non è affatto un dono di natura. Per trasformare un’intuizione, un’idea in una narrazione capace di catturare il pubblico ci vuole infatti un solo, elementare requisito: non cominciare mai a scrivere “se non si è convinti di essere migliori di Cervantes!”. (Libreria Universitaria) + (Bol.it)

Pillole dalla biografia di “Gabo”

Primogenito del telegrafista Gabriel Eligio García e di Luisa Santiaga Márquez Iguarán, Gabriel García Márquez nacque ad Aracataca, un paesino fluviale della Colombia, il 6 marzo 1927. Dopo il trasferimento a Riohacha, crebbe con i nonni materni: il colonnello Nicolás Márquez e sua moglie Tranquilina Iguarán.

Nel 1937, a seguito della morte del nonno, Gabriel García Márquez si trasferì a Barranquilla per studiare. Dal 1940 frequentò il Colegio San José e si diplomò al Colegio Liceo de Zipaquirá nel 1946.

L’anno dopo, García Márquez si trasferì a Bogotá per studiare giurisprudenza e scienze politiche presso l’Universidad Nacional de Colombia, ma presto abbandonò lo studio di quelle materie che non lo affascinavano.

Dopo i disordini del 1948, in cui nel rogo della pensione in cui abitava bruciarono alcuni suoi scritti, si trasferì a Cartagena dove cominciò a lavorare dapprima come redattore e poi come reporter de “El Universal”. Alla fine del 1949 si trasferì a Barranquilla per lavorare come opinionista e reporter a “El Heraldo”. Su invito di Álvaro Mutis, nel 1954 García Márquez tornò a Bogotá, a lavorare a El Espectador come reporter e critico cinematografico.

L’anno successivo trascorre alcuni mesi a Roma, dove segue dei corsi di regia presso il Centro Sperimentale di Cinematografia, in seguito si trasferisce a Parigi. Nel 1958 sposa a Barranquilla Mercedes Barcha e, dopo la vittoria di Fidel Castro, visita Cuba e lavora (prima a Bogotà, poi a New York) per l’agenzia “Prensa latina”, fondata dallo stesso Castro.

Nel 1958, dopo un soggiorno a Londra, García Márquez tornò in America, stabilendosi in Venezuela.

(continua a leggere su Wikipedia)

0 Responses to “Come si scrive un racconto – Gabriel Garcia Marquez”



  1. Lascia un commento

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




febbraio: 2010
L M M G V S D
« Gen   Mar »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728

Inserisci il tuo email e riceverai gli aggiornamenti

Segui assieme ad altri 3 follower

Area sondaggi

statistiche

  • 200,343 visite

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: