Gabriele D’Annunzio

Gabriele d’Annunzio nacque a Pescara il 12 marzo 1863 in una casa di via Manthoné, figlio di Francesco Paolo Rapagnetta d’Annunzio e di Luisa de Benedhictis. Nonostante la leggenda, all’anagrafe fu registrato col solo cognome d’Annunzio, che il padre aveva aggiunto, per adozione da parte dello zio materno Antonio (marito della zia Anna Lolli), nel 1851. Terzo di cinque fratelli, visse un’infanzia felice, distinguendosi per intelligenza e vivacità. Della madre erediterà la fine sensibilità, del padre il temperamento sanguigno, la passione per le donne e la disinvoltura nel contrarre debiti, cosa che portò la famiglia da una condizione agiata ad una difficile situazione economica. Non tardò a manifestare una personalità priva di complessi e inibizioni, portata al confronto competitivo con la realtà. Una testimonianza ne è la lettera che, ancora sedicenne (1879), scrive a Giosuè Carducci, il poeta più stimato nell’Italia umbertina, mentre frequenta il liceo al prestigioso istituto Convitto Cicognini di Prato. Nel 1879 il padre finanziò la pubblicazione della prima opera del giovane studente, Primo vere, una raccolta di poesie che ebbe presto successo. Accompagnato da un’entusiastica recensione critica sulla rivista romana Il Fanfulla della Domenica, il successo del libro venne aumentato dallo stesso D’Annunzio con un espediente: fece diffondere la falsa notizia della propria morte per una caduta da cavallo. La notizia ebbe l’effetto di richiamare l’attenzione del pubblico romano sul romantico studente abruzzese, facendone un personaggio molto discusso. Dopo aver concluso gli studi liceali presso il Real Ginnasio-Liceo “G.B.Vico” di Chieti, giunse a Roma nel 1881, con una notorietà che andava crescendo.

Opere

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Opere di Gabriele d’Annunzio.

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Continua su Wikipedia e su Google

___________________________________

personalmente, se mi è concesso un veloce parere, consiglio la lettura di Il fuoco e Notturno, davvero poco d’annunziane come opere di D’Annunzio. Ciò detto, i vostri commenti quali sono?

Annunci

0 Responses to “Gabriele D’Annunzio”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




febbraio: 2010
L M M G V S D
« Gen   Mar »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728

Inserisci il tuo email e riceverai gli aggiornamenti

Segui assieme ad altri 3 follower

Area sondaggi

statistiche

  • 222,325 visite

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: